Una colazione energetica semplice e rigenerante

Cominciare la giornata con una pratica di yoga è una delle cose più belle che si possano fare: aiuta ad essere più lucidi durante il giorno, più produttivi, rilassati e concentrati, e perciò più soddisfatti anche a fine giornata.

Gli effetti positivi di quest’abitudine vengono completati da una colazione che ci garantisca una buona autonomia senza ingolfarci già di primo mattino.

Normalmente la colazione è il pasto in cui si consumano più zuccheri. Lo zucchero ci da un senso di energia che però svanisce presto lasciandoci già a metà mattinata deboli, stanchi, affamati e leggermente depressi. La mattina non si ha voglia di mangiare come a pranzo e non si ha nemmeno il tempo di preparare qualcosa di elaborato.

Una buona soluzione che ho trovato è la “MIAM”: è veloce, semplice, saporita e mantiene a lungo un buon livello di energia. La miam ci permette di arrivare a pranzo senza spuntini o con uno spuntino veramente leggero e..senza bisogno di caffè! E inoltre è un vero e proprio rigeneratore cellulare!

Per lo yoga ciò che introduciamo nel corpo è molto importane per il nostro benessere psicofisico e la MIAM è un ottimo pasto satvico.

Io non la mangio tutto l’anno perché è un piatto freddo e d’inverno ho voglia di cibi più “pesanti” e caldi, ma d’estate è buonissima!!! E’ il momento perfetto per provarla ed integrarla nelle proprie abitudini.

L’ho scoperta qualche anno fa in un libro suggeritomi da una mia amica: “I bagni derivativi” di France Guillain, che suggerisce un metodo interessante che usa il freddo per stimolare la circolazione nel nostro corpo e prevenire e curare tanti piccoli disturbi. Questo metodo ha delle similitudini col mezzo bagno o la doccia fredda utilizzata nella tradizione tantrica dello yoga. A complemento del suo metodo suggerisce la MIAM: un pasto da consumare una volta al giorno per assimilare una serie di elementi che aiutano il nostro corpo a disintossicarsi, rigenerarsi e guarire.

La preparazione non porta via più di 5 minuti, il più è andare a recuperare gli ingredienti.

Per la ricetta originale ci vogliono:

  • mezzo limone
  • mezza banana
  • frutta secca (noci, mandorle, noccioline, pistacchi, anacardi..) un cucchiaio per tipo
  • semi oleosi (sesamo, zucca, girasole, canapa, lino..) – un cucchiaio per tipo
  • olio di lino – un cucchiaio
  • olio di sesamo – un cucchiaio
  • frutta di stagione, almeno tre varietà (è consigliabile aggiungere sempre una mela)

Per prepararla si spappola la banana, la si lascia ossidare qualche minuto e si amalgama con un cucchiaio di olio di lino e uno di olio di sesamo e il succo di mezzo limone e si aggiungono tre cucchiai in totale di semi o frutta secca. Infine si aggiungono pezzi di frutta fresca: una mezza mela e altri due frutti a scelta, meglio se di stagione.

Se la si prepara per due è ancora più comoda perché il tempo è quasi lo stesso e non si devono lasciare mezza banana e mezza mela per il giorno dopo.

Questa è la ricetta ideale quando abbiamo tutti gli ingredienti, ma se anche la si fa parzialmente male non fa. Anche solo una banana spappolata con gli oli e una mela è già buona ed energetica.

La MIAM può sostituire la colazione come anche il pranzo o la cena. In ogni caso va mangiata da sola, al massimo accompagnata da caffè o una tisana, per assorbirla meglio. Sembra un pasto leggerisimo, ma è talmente ricco di elementi nutritivi che si è diffuso anche tra gli sportivi e in diversi lo sostituiscono ad un pasto regolare. Anche se ci si sente a stomaco vuoto, poi ci si accorge che la fame passa.

I suoi effetti sul’organismo sono notevoli: rigenera le membrane cellulari e i risultati sul corpo sono già evidenti dopo alcune settimane su pelle, capelli, e gengive. Aiuta a rigenerare ossa e cartilagini e, secondo l’autrice, associata ai bagni derivativi, anche a perdere peso in eccesso.

E’ un concentrato di supercibi: i semi oleosi, la frutta secca, il limone..

A proposito dell’olio di lino Gandhi diceva: “ovunque i semi di lino divengano un cibo comune tra la gente, lì ci sarà una salute migliore”. La ricerca scientifica sta confermando la sua osservazione empirica perché l’olio di lino si è dimostrato un potente anticancerogeno e un’ottima fonte di omega 3 e omega 6 nella giusta proporzione per il nostro organismo.

Essendo ricco di antiossidanti, quest’olio si ossida molto facilmente e, una volta aperto va conservato in frigo e non dura a lungo.

Si può fare un pò di ricerca per comprendere il valore di tutti questi ingredienti, ma, provandola, si può verificare da sé il proprio miglioramento, la velocità di preparazione e, soprattutto il sapore buonissimo. A me la macedonia non piace troppo.. ma questa sembra un dolce con crema e frutta!

Novità: ora puoi fare lezione online con me. Vai alla pagina Lezioni online per saperne di più 😉

6 pensieri riguardo “Una colazione energetica semplice e rigenerante

    1. Ciao Silvia, le quantità le avevo scritte sul post nella preparazione. Ora ho aggiornato la lista degli ingredienti aggiungendole anche lì. Forse il dubbio l’avevi su frutta secca/ semi oleosi. Si tratta di aggiungere o l’uno o l’altro e di metterne tre tipi diversi. Nel tempo è utile cambiarli per garantirsi un apporto più completo di nutrienti. Per il resto della frutta è variabile. Se è un frutto grande come una pesca ne aggiungo uno, se fragole o mirtilli una manciata. La puoi adattare anche al tuo gutso, non cambia molto, basta mantenere su per giù le proporzioni. Io spesso metto anche una banana intera per renderla più cremosa.
      Spero di averti chiarito, se ha iancora qualche dubbio scrivi pure.
      un saluto
      Christian

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...