Come non distruggersi gli occhi davanti allo schermo

Il nostro corpo, come quello di animali e piante segue dei ritmi nel suo funzionamento. Ritmi stagionali, ma anche un ritmo legato al giorno che prende il nome di ritmo circadiano. Questo viene influenzato da una serie di fattori, ma il più importante è l’esposizione a fonti luminose. La luce del mattino ci aiuta a svegliarci, mentre la luce del tramonto ci rilassa e il buio…aiuta a dormire.

Per dormire un buon sonno, la sera, si consiglia di fare attività rilassanti e possibilmente con una fonte luminosa morbida e un pò più bassa che evita di contrastare la nostra produzione di melatonina. L’ideale sarebbe la luce delle candele, più tendente al rosso, ma per uso quotidiano è un pò complicato.

Che la luce e i colori influenzino il nostro stato d’animo non è un mistero. Non solo li si usano per la cromoterapia, ma per spettacoli e concerti e per creare l’atmosfera giusta nei locali.

Anche in casa un uso sapiente dell’illuminazione può cambiare completamente l’effetto di un ambiente domestico.

Un problema di questi ultimi anni però è che spesso la sera è il momento in cui mi posso rilassare e posso cercare informazioni interessanti e distrarmi un pò davanti.. allo schermo del computer!

Posso anche creare un ambiente soft e ascoltare una musica rilassante, ma finisce che passo qualche ora a mezzo metro dallo schermo del computer per poi andare a letto con un leggero mal di testa, i muscoli del viso contratti e gli occhi che bruciano.  Una soluzione sarebbe non accendere il computer dopo le 9 e leggere un buon libro, ma, se proprio come capita a me non se ne può fare a meno, c’è un sistema per contenere la portata di questi fastidi.

La luce non è tutta uguale. Una lampadina a incandescenza emette una luce diversa dal neon che è diversa dalla luce solare.

Chi se ne intende un pò di fotografia o di illuminotecnica sa che la luce ha diversi gradi di calore. Quando una fiamma brucia, se non è molto calda emette una luce più rossa, mentre più scalda, più la luce va verso il blu, come quella dei fornelli. Questo perché la gamma di emissione si sposta dall’infrarosso verso l’ultravioletto. Così anche la luce del mattino è più sbilanciata verso l’ultravioletto e quella della sera verso l’infrarosso. In realtà nel nostro linguaggio ordinario diremmo che la luce dei fornelli è più fredda perché va verso il blu che è un colore più freddo, ma tecnicamente aumenta la sua “temperatura” in gradi Kelvin.

La luce del computer è una fonte luminosa molto vicina agli occhi e già questo di per sé affatica la vista. Di sera però le cose peggiorano perché non ci sono più altre fonti di luce che compensino questo stimolo. E’ vero che si può ridurre la luminosità dello schermo, ma questa soluzione da sola non è molto efficiente. Per equilibrare la luce dello schermo con la luce dell’ambiente esiste però una app gratuita facilmente scaricabile che permette di abbassare automaticamente la “temperatura dello schermo nelle ore serali e notturne, salvo altre necessità. Si chiama f.lux. Questa app semplicemente taglia la gamma di luce emessa che va più verso il blu e rende lo schermo più ambrato, stemperando la gran quantità di bianco.

Da quando l’ho provata non l’ho più spenta. L’effetto si sente: gli occhi sono più rilassati e la testa meno pesante e l’effetto della luce è più dolce. Si può togliere quando si vuole, ma io la uso anche per guardare dei video perché non altera troppo. In ogni caso si può regolare di quanto abbassare la temperatura.

Ovviamente, se si sta molto davanti al computer, giorno o notte che sia, è buona norma prendersi delle pause, guardare quacosa di lontano e sciacquarsi gli occhi per decongestionarli. Il metodo è semplice: è una pulizia yogica degli occhi che molti praticano d’abitudine tutte le mattine o prima di iniziare la loro sadhana: si raccoglie l’acqua fredda del lavandino nelle mani e la si butta negli occhi aperti per una dozzina di volte. Da un pò di fastidio lì per lì ma è un metodo velocissimo per sentire subito gli occhi più freschi e rilassati. Questa routine è ottima anche prima di andare a letto se si sentono gli occhi affaticati.

Novità: ora puoi fare lezione online con me. Vai alla pagina Lezioni online per saperne di più 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...